Vai ai contenuti

Menu principale:

Commenti e Pagelle

.

SAMPDORIA - PARMA  0-1
        
    
Sampdoria (4-4-2): Audero; Thorsby, A. Ferrari, Colley, Murru; Ramirez (14' st Leris), Ekdal, Vieira (14' st Linetty), Jankto (35' st Caprari); Gabbiadini, Quagliarella. A disp.: Seculin, Falcone, Augello, Chabot, Rigoni, Linetty, Regini, Maroni, Murillo, Leris. All.: Ranieri

Parma (4-3-3): Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo; Hernani, Kucka (1' st Brugman), Barillà; Kulusevski (40' st Grassi), Cornelius (22' st Dermaku), Gervinho. A disp.: Colombi, Alastra, Laurini, Scozzarella, Adorante, Sprocati, G.Pezzella. All.: D'Aversa

Marcatori: 22' Kucka
Arbitro: Abisso
Ammoniti: Cornelius, Dermaku (P), Vieira, Gabbiadini, Thorsby (S)

LE PAGELLE DI GIULIANO BOTTOLI

    
Sepe 7 mezzo:  inizia la gara con tre appoggi di piede fuori misura, poi fornisce una prestazione di alto livello; un rigore parato a Quagliarella  e un prodigio su Collej che premette di espugnare Genova  

Darmian 6: buona prova difensiva; fortune alterne quando si spinge in avanti, con qualche errore e alcune buone iniziative  

Gagliolo 6 mezzo: mette il bavaglio a Ramirez concedendogli molto poco; lucido nei momenti di pressione dei padroni di casa è proficuo negli inserimenti in avanti  

Hernani 6 mezzo: buona prestazione sia in appoggio che in rottura, ha il merito di calciare l' angolo con una precisione millimetrica per il gol di Kucka  

Iacoponi 6 mezzo: limita sia Quagliarella che Gabbiadini ed è preciso e attento negli anticipi e nel gioco aereo  

B.Alves 6: gara attenta senza nessuna sbavatura   

Kuluseveshj 5: la giovane età, le voci di mercato e forse non è al meglio di condizione gli fanno tirare il fiato dopo un inizio di campionato più che positivo;  alcuni errori di misura ed è fuori posizione in alcuni frangenti. Dal 84° Grassi S.V.   

Kucka 7: determinate nella vittoria del Parma; cinque minuti, al 15° 17° 19° con conclusioni fuori di poco ed il gol di testa al 20°; poi tanti recuperi che permettevano ai compagni di rifiatare. Dal 46° Brugman 6: si mette a disposizione dei compagni con qualche buon recupero.  

Cornelius 6: in avanti fa a sportellate coi difensori, quasi mai in area per finalizzare. Dal 67° Dermaku 5 mezzo: gli sfugge Quagliarella in occasione del rigore, ma si riscatta la prestazione vincente del Parma sia nel gioco aereo che in appoggio ai compagni.  

Barillà 6 mezzo: costretto a giocare non in perfette condizioni fisiche, ci mette il cuore e recupera palloni importanti  aiutando nella fase difensiva.  

Gervinho 6: qualche errore nel ultimo passaggio, ma sempre pericoloso e nel finale riesce a fare respirare tutta la squadra.

UN' ORA DA EUROPA LEAGUE E 30 MINUTI DA RETROCESSIONE!
KULOWIC SALVA LA VITTORIA, ECCO APPUNTO!
L' INNOMINABILE E IL GIOCO DEL NON GIOCO
GLI AUGURI: SANDRO, A T' EM MANCHI DA BO!

ByManso - Un'ora o quasi da Europa League e trenta minuti da zona retrocessione. Magari la verità sta in mezzo, perchè se è vero che ci son anche gli avversari in campo, è altrettanto vero, che il Parma quando smette di giocare è di un balordo da far ribrezzo.
Kulowic, dopo un po' di sfiga è tornato, e ha permesso la vittoria che tirando comunque le somme è più che meritata, anche se è da attribuire in toto al grande doppio intuito di Sepe.
Domandarsi cosa sarebbe successo in caso di trasformazione del rigore, è domanda da rivolgere alla strolga, ma se tanta storia mi da storia di questo campionato, non è difficile pensare che il Parma sarebbe “ritornato” a cercare di vincerla.  
Ecco appunto..e axì l'ema dita tuta!
Chi vuol capire capisce al nin sa e chi non vuol capire è perchè per forza deve difendere l'indifendibile non gioco che prevede solo tanto, ma tanto kulowic, di cui sembra sia vietato parlare!
Squadra da Europa League o da quelle posizioni  non dichiararlo, è come dare l'alibi che non c'è quando sei accusato di qualche cosa.  
E si, con l'alibi che non c'è, prima o po' it squaton!
Gli appelli da queste pagine a crederci, son ormai passati e trapassati, ma come dice la classifica, son sempre attuali e negarlo, cari i miei difensori dell' innominabile, proprio non si può.  
Va bhe, tant ormei, la va axì; rancorare fa parte del gioco, e fin che il gioco lo regge Kulowic soportema anche li lu!  
Ma sa mola al cul?  
Rammarico... rammarico... e solo rammarico!

Gli auguri -  Mezzo secolo son sempre mezzo secolo, e quando li passi calcisticamente "assieme" a qualcuno, non si può far finta che non ci sei stato con chi c'è stato!
Parma, i parmigiani e i dirigenti del Parma, con Sandro Melli ci son stati e negarlo non si può, nemmeno per coloro, chi fan finta ed gnenta!
Magari non tutti han avuto la fortuna di vederti alla prima partita ufficiale con i pulcini dell' Audace in quel trio d'attacco formato da te, da Giovanni Bia e da Marco Giandebiaggi.

Magari non tutti ti hanno visto in quella Primavera del Parma con in panchina Bruno Mora/ Battistini,

Sappiamo tutti però, che se sei tifoso del Parma, se sei dirigente del Parma o se sei parmigiano, non puoi non aver visto almeno una volta, Sandro Melli  segnare per i colori crociati; youtube docet!!

Mi a go' a vu dal cul, e t'ho vist cresor partida per partida, fin da picinaia e per questo magari son anche di parte, ma 'na cosa le cera:
Sandro... a t'em manchi da bo!

... ganca at fis 'na bela figa!! Rido!


Torna ai contenuti | Torna al menu