Vai ai contenuti

Menu principale:

Commenti e Pagelle

.

Lazio - Parma  2-0

LE PAGELLE DI GIULIANO BOTTOLI

Sepe 5 mezzo: salva il salvabile, nulla può sui gol subiti;  due uscite a vuoto.

Darmian 5 mezzo: qualche colpa sul primo gol subito; non aiutato da Iacoponi  nella diagonale è stranamente poco incisivo quando spinge in avanti.

Pezzella 5: poco attento nella seconda rete subita, quando spinge in avanti  non gli riesce nessun traversone; impreciso negli appoggi.

Brugman 5: non riesce ad incidere nella impostazione ed è leggero nella fase difensiva; nella ripresa praticamente non tocca palla. Dal 78° Sprocati s.v. .

Iacoponi 5: diagonale in ritardo sul primo gol subito; impreciso negli appoggi e va in difficoltà nelle incursioni di Korrea.

B. Alves 6: insuperabile nel gioco aereo è meno proficuo nel uno contro uno.

Gervinho 4:  praticamente nullo. Dal 74° Karamouo 6: pochi minuti a disposizioni sfruttati con buona intensità e tecnica.

Hernani 4 mezzo: partita incolore non gli riesce nessuna giocata da annotare.

Inglese 5: due conclusioni, una parata e una fuori di niente;  è irriconoscibile rispetto il giocatore dello scorso campionato. Dal 84° Cornelius s.v..

Barillà 5: non riesce a tamponare le volate della Lazio e a costruire buone azioni.

Kulusevski 5 mezzo: prima parte di sostanza ma sparisce nella ripresa come tutta la squadra.

Tutti d' accordo, in campo largo, Parma massacrabile
Brugman, il centromediano metodista che ....
Gervinho va servito sulla corsa, altrimenti ....
Per D' Aversa, la copa è tutta dei giocatori!
Si tornerà a difendere nell'area piccola?
Il Sassuolo è la peggior squadra da incontrare adesso

ByManso - C'è poco da dire in merito a questa partita, perchè basterebbe un copia incolla delle considerazioni fatte per Parma – Cagliari con l'aggiunta di “ noi lo avevamo detto”. Ora lo dicono anche gli altri e questo ci fa enormente piacere, poiché è sempre meglio tardi di mai. Che sia un sintomo di incertezza che lambisce gli addetti ai lavori parmigiani, o i san quel? Ah, saperlo!
Cosa avevamo detto? Bhe semplicemente che i due centrali (B. Alvez e Iacoponi ) non hanno una velocità tale per poter reggere la Serie A e che Brugman è un pistapoci che non è utile ne nella costruzione ne in interdizione.

Bruno purtroppo, in campo aperto non da copertura, e questo è davvero deleterio se hai anche l'altro centrale che non va forte; e si, per far giocare lui, bisognava prendere qualcuno che va il doppio delle punte o dei centrocampisti avversari, perchè altrimenti le diagonali di copertura diventano una bella chimera proprio come si è visto nelle partite di questo inizio campionato.

Avevamo paura che il Mister ripresentasse la stessa formazione mandata in campo con il Cagliari. Bene le nostre paure si son rivelate un fatto conclamato e dispiace davvero, mi ripeto, dirogh... “mi a tleva dit”.

Non vale nemmeno il discorso della mancanza di Kucka e Grassi, perchè se il primo può dare più copertura al centrocampo, l'altro è bravo a ribaltare il fronte d'attacco e negli inserimenti in area, e pretendere, che facciano quelle chiusure difensive che mancano per mancanza di velocità, è pretendere la luna, che come sappiam bene, non è che diventa una formaggia a seconda delle opinioni buttate lì per i profani. La loona le la la loona e la formaja le la formaja. Punto!

Ora c'è da correre ai ripari, perchè una cosa sembra diventata certa, le squadre  affrontano questo “nuovo” Parma, sapendo quali son i  punti deboli e non sembra davvero un caso, che i gol arrivino tutti, o quasi, con azioni simili (difesa infilata dritto per dritto).
I ripari però, son pochi, questo è certo, ma togliere Gagliolo perchè ha sbagliato una partita (non faceva però il centrale) è un errore madornale, perchè come ben sappiamo, è l'unico che è dotato di recupero ed è anche l'unico che quindi può aiutare l'altro centrale, chiunque esso sia.

Brugman, purtroppo l'avevamo battezzato da subito e insistere su di lui, per dire che abbiamo il centromediano metodista, farà anche figo, ma avere un centromediano metodista che non metoda perchè al ne toca gnanca 'na bala, è un insulto al buon sapere del calcio e anche all'impostazione di tutto quello che dovrebbe essere il gioco e all'economia della squadra.

Poi, a differenza di quanto visto con il Cagliari, è venuta anche a mancare la voglia di rischiare per ribaltare il risultato. Come con la Juve, non si è buttato il prete nella merda e ci si è limitati a difendere lo svantaggio di due gol.

Per D' Aversa è colpa dei giocatori: “ nel secondo tempo, non abbiamo fatto quanto avevamo preparato in settimana”. Da ciò si deduce che lui aveva previsto di essere sotto di due gol e quindi aveva preparato quella reazione che i giocatori non hanno recepito e non messo in pratica.
Dai su, lasema perdor! Perchè se non lasciamo perdere, dovremmo tirare in ballo le sue dichiarazioni di sempre e i  soliti cambi sbagliati e spesso (eufemismo) anche ritardati; ma questo delle dichiarazioni imbarazzanti, dei cambi e della lettura della partita è un discorso antico che non potrà mai essere superato dal mister. L'esperienza non conta in panchina, se non ce l'hai dentro, la lettura, mica si impara, e l'unica soluzione è quella di dotarsi di qualcuno che la legga per te.
Facile a dirsi, ma difficle da attuarsi, perchè a vris vedor col mister che al fa col ca ghe chi'gh digon! Rido!

Le punte: poche palle son nel DNA di questo Parma e di quelli precedenti, ma che Inglese sia in condizioni non troppo buone, è cosa lapalissiana, mentre per Gervinho, vale il fatto che è sempre in difficoltà quando non è servito sulla corsa. Tanto è vero questo, che anche a Roma lo han anticipato quasi sempre. E si, giocare sull'anticipo con lui, diventa un giochino da ragazzi, quando è girato spalle alla porta. E' un suo limite? Si lo è, e quindi mi pare ovvio che è il gioco della squadra, che deve portarlo a giocare in quelle condizioni in cui lui diventa devastante.

I rumors sul futuro di D' Aversa si fanno sempre più frequenti, ma crediamo questi rumors, siano solo le speranze di quei tifosi che si stanno davvero preoccupando per i risultati di questo Parma.
A meno di litigate tremende o di spogliatoio contro (i mugugni comunque ci sono), D' Aversa non sarà sostituito fin che la speranza di ritrovare il gran culo degli anni passati, non sarà diventata una chimera (un per ed partidi?)

Domani al Tardini arriva il Sassuolo e anche se non la vedo benissimo (giocano come dovrebbe giocare il Parma dei sogni dei dirigenti), credo che il Parma possa fare risultato, ma solo se farà tesoro degli errori di formazione e di intenti, messi in mostra in questo inizio di campionato. Certo è, che adesso come adesso, per come giocano in velocità negli spazi, è la peggior squadra che ci potesse capitare.

Forse è ancora troppo presto, ma non mi stupirei di rivedere il Parma che difende a cinque metri dai cartelloni di fondo campo, per poi ripartire in contropiede.
Vero; non lo escludo, ma sarebbe un passo indietro di quelli pesanti, che non ci auguriamo, poiché come abbiam sempre detto, tra il difendere nell'area piccola e il difendere all'altezza del centrocampo, c'è una via di mezzo che potrebbe essere l'ancora di salvezza della squadra di D'aversa.

Appunto, butterà l'ancora D' Aversa? E se la butterà, sarà mica che prende in testa qualcuno?
Per amor di patria, e per senso del rispetto altrui, credo che sia molto meglio che a l'ancora, al ghe resta sota da lu!!



Torna ai contenuti | Torna al menu