Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagelle e commento

.


PARMA  MILAN   1 - 1

LE PAGELLE DI GIULIANO BOTTOLI

    
Sepe 6: primo intervento a terra al 51°; nessuna colpa sul gol E una buona uscita alta  .

Gazzola 7: dalla sua fascia il Milan non punge e lui si propone con buone incursioni in avanti e in appoggio al centrocampo; la sua migliore gara.

Di Marco 6: l' avversario lo costringe a difendere e si disimpegna con sufficienza; in avanti non si è visto quasi mai. Dal 70° Siligardi 6 mezzo: la sua entrata permette ai crociati maggior consistenza in avanti; una sua conclusione a portiere battuto colpisce il palo, dopo un'azione finalmente corale.

Scozzarela 6 mezzo: nella prima parte da ordine al gioco con precisione; nella seconda soffre la fisicità degli avversari e cala quindi la sua continuità. Dal 90° Stulac S.V. .

Gagliolo 6 mezzo: contribuisce assieme ai compagni di reparto a fermare gli attaccanti rossoneri

Bruno Alves 7 mezzo: si ripete su calcio di punizione con battuta una magistrale; perfetto nel gioco aereo e nei suggerimenti ai compagni.

Iacoponi 6: si difende con ardore e precisione; poco preciso in un paio di incursioni in avanti .

Kucka 7: partita di grande intensità sia in fase difensiva che in aiuto agli attaccanti; una sua rovesciata acrobatica sfiora l' incrocio dei pali.

Ceravolo 6: in alcuni frangenti riesce a fare salire i compagni e ad appoggiare il gioco in avanti; grande determinazione per tutta la gara. Dal 75° Sprocati 6 e mezzo: la sua forza fresca permette alla squadra a pressare con vigore i difensori.

Barillà 6 mezzo: sulla fascia sinistra aiuta Di Marco nel fermare le incursioni milaniste; poco presente in avanti

Gervinho 6: qualche buona accelerazione e qualche errore nell' ultimo passaggio; sparisce dal gioco quando viene toccato duro dai difensori.

D' Aversa sconfessa D' Aversa!
Tutto il Tardini unito in un "Finalmente"
Il Parma allora può giocare a calcio?
La manina che ha cambiato tutto, di chi è?
Manina e D' Aversa - Gattuso, 10-0!
Foto, gente e bandiere della Nord e tribuna

ByManso - E adesso come la mettiamo con le D' Aversa giustificazioni?
Dopo tre Pasque, FINALMENTE il Parma ha disputato una grande partita, e lo ha fatto,  convincendo tutto il Tardini ,che alla fine aveva pienamente ragione chi contestava il non gioco del Mister.

Su queste pagine abbiam più volte scritto (due anni e mezzo son lunghi per tutti), che tra Guardiola e Nereo Rocco c'è in mezzo il mare, aggiungendo anche che in questo mare si potevano trovare delle soluzioni, che non comprendessero solamente una difesa sulla linea di porta con i giocatori disposti ad autobus (cit. Mazzarri).

Da quattro o cinque centrali, e da quel fintissimo 4 4 3 siam passati ad un 3 5 2 che secondo bisogno (molto spesso) diventa un 5 3 2 o un 5 4 1.

E però, quando fin dallo scorso campionato ci si chiedeva come mai il Mister insistesse con quel robo schifoso che solo lui chiamava 4 3 3 (le punte laterali facevano i terzini e la punta centrale giocava da solo nel cuore della difesa avversaria, trovandosi lontano anni luce dai compagni di reparto), lui, rispondeva che il modulo non conta nulla, ma che è l'approccio mentale alla partita che conta.

Se sta bhe!

Il problema del “calcio” per D' Aversa, è esattamente lo stesso problema che hanno i giornalisti che si son venduti la penna a vita, per un bel tozzone di pane al giorno. I giornali quando c'erano solo loro, duravano lo spazio di un giorno, e la cazzate sparate a caratteri cubitali, rimanevano nella memoria di qualcuno per qualche tempo, ma scomparivano dalla testa della massa con la velocità di una cometa.

Bei tempi quelli ormai trapassati. Davvero bei tempi per gli sparatori di cazzate.

Te capì Mister?  A basta un click, per guarder tut col ca te dit stan!*

"Siamo una Squadra con quasi tutti italiani"

"Abbiamo in rosa tanti giocatori esordienti che giocavano in Serie B"

"Ci alleneremo al WAR"

"Dovevamo fare meno punti nel girone d'andata"

" Abbiamo tante assenze e non abbiamo una rosa lunga"

Potrei continuare per un'oretta, con queste amenità, ma voglio risparmiarmi un attacco di bile e quindi la chiudo qui. O quasi!

Perchè sottolineare che un Mister non può attaccare sempre tutto e tutti per difendere l'indifendibile suo gioco e le indifendibili sue scelte, è un dovere da cui non ci si può sottrarre. E non mi ci sottraggo!

L'attacco sistematico alla Società (rosa inadeguata), ai giocatori (hanno sbagliato l'approccio alla partita) e al pubblico del Tardini, che non si è mai divertito nemmeno quando si vinceva, è stato un esercizio che ieri è stato cancellato con la matita rossa dal quaderno della storia di questo campionato.

Cancellato da tutti, tranne logicamente dal Mister che per difendere i trascorsi, ha così affermato: Indipendentemente dal sistema di gioco conta come interpreti le gare, oggi e ultimamente i ragazzi lo stanno facendo in maniera ottima.

Ma to, dopo che han smesso di perdere, hanno interpretato la partita in maniera ottima! E prima, quand i perdevon, la colpa ed chi erla?
Bhe, sempre e solo la loro, perchè non seguivano l'interpretazione che aveva dettato il Mister!

Le chicche di D' Aversa che ci danno ragione sutte le linee del mondo, continuano: Abbiamo pensato come prima cosa di ridare equilibrio a questa squadra; devo dire che che i ragazzi stanno affrontando di nuovo le cose in maniera determinata, cioè con quel modo che ci ha portati a fare cose importanti nel girone d’andata."

Parla di quel girone d'andata in cui lui stesso ha detto che ha fatto troppi punti? E si, parla proprio di quello!
Quel giorne d'andata in cui, senza un gran culo, ora saremmo in piena lotta retrocessione!

Il catenaccio in difesa di se stesso, che neanche Nereo Rocco si permetteva, continua:i ragazzi sono stati bravi nonostante le assenze, ma non ci siamo mai creati alibi, continuiamo a lavorare per il nostro obiettivo, qualora raggiunto rappresenterebbe qualcosa di straordinario e non sarebbe affatto scontato”.

Non si è mai creato alibi? Non era scontato? Straordinario obbiettivo?

Bhe, il mister si è risposto da solo senza nemmeno accorgersene.
Non ci credete?
Sentì co l'ha dit: OGNUNO DI NOI OGGI VOLEVA DIMOSTRARE DI NON ESSERE INFERIORE ALL’AVVERSARIO”.

Giuro, lo ha detto lui! E di fronte aveva il Milan, la quarta forza del campionato!
Mister, i to, o ien gram, o ien bo! Scappare da questo non si può, e se si tenta comunque di farlo, si inciampa sull'intelligenza di chi vede la “tua scappata”. Per chietor, digh ch'is rangion!!*

Visto il cambio di modulo, l'impiego di terzini di ruolo e il cambio di tattica (quando si può si gioca anche nella metà campo avversaria), è indubbio, che sul campo sia arrivata la manina di un innominabile per far cambiare le cose (qualchido, fora dal Tardini, l'ha sbusì el gomi dl'autobus da meter davanti ala porta).

Noi il badante lo avevamo chiesto per le interviste, ma se per ora lo han trovato solo per il campo, ce ne faremo consapevolmente una ragione!

Una ragione che ci facciam di cuore, perchè per una volta da quando è rinato il Parma di Ferrari e di Pizzarotti, ho avuto la soddisfazione di ver visto giocare a calcio.

Certamente si poteva anche perdere, ma il giudizio sul Parma Pasquale, non sarebbe cambiato in nessuna testa di tutti i tifosi gialloblu. E quel “FINALMENTE” che echeggiava nelle scale della tribuna, era il segnale di una ri-trovata pace tra tifosi che se ne intendono e Società.

Dei pennivendoli abbiam già parlato, e per loro vale lo stesso discorso fatto per D' Aversa.
Lor signori, per difendere il fatto che tutti ci prendevano a pallonate, ci han raccontato per tutto il campionato che non conta giocare bene, ma che conta solo il risultato; e per darsi ragione e per farvela mandare giù, han scomodato tanti famosi ex; ex che si son prestati a sparare cazzate da basso medio evo calcistico. E si, tanto basso quel medioevo, come tanta è stata la bassezza di certi interventi!

Quasi quasi dimenticavo, a lor signori dalla mendace e prezzolata penna, ha risposto proprio il mister sabato in sala stampa:Nonostante il risultato credo che si sia fatto qualcosa in più noi, nel primo tempo non ricordo parate di Sepe mentre Donnarumma ha compiuto due o tre interventi. C’è dispiacere per non aver portato a casa i tre punti vista la prestazione dei ragazzi perfetta

Risposta ai giornalisti di riferimento si,ma però sui meriti, si è risposto anche da solo. Non posso non tacere Mister: vala a dir al squedri chi t'han ciapé a balonedi e ian pers!! Rido!

Per quanto riguarda la partita, bhe, il Milan ci ha messo del suo, e Gattuso non ci ha proprio capito un emerito cacchio. Dove iniziano i demeriti del Milan e dove iniziano i meriti del Parma, non è cosa che vogliamo tirar fuori, saran poi cacchi loro, ma una cosa è chiara:

Manina e D' Aversa – Gattuso, 10-0

E però c'è il verso della medaglia:

Manso – D' Aversa senza Manina, 10-0

Ala fen dl' opra D'Aversa la paregé!

Difensivista che di più non si può! Rido!


Ps: il Mister si è preso la colpa per lo scarso (?!?!?) impiego di Gazzola nel girone d'andata. Bene, anche questo lo avevamo detto! Ricordate chi faceva giocare terzino? Bene, c'è da dire che per il Parma va di lusso con le scelte dettate dal bisogno. Lo scorso campionato (Serie B) abbiam trovato in tla piaza ed la gierà  Barillà (lo volevano vendere a gennaio perchè era finito nel dimenticatoio) e Silingardi (vendù anca lu ai Cines)e adesso abbiam Gazzola, che dopo le ultime prestazioni, sarà super confermato per il Campionato prossimo. però, magari, queste scelte le ha fatte apposta. Li risparmiava per poi averli freschi per due anni a seguire. Di ve, toccherà mica anche a Dezi, scoprirsi giocatore da Serie A?

Ps2: le statistiche parlano chiaro, proprio come han fatto tutte le altre volte! Mei suces che al Perma al tiris in porta pu ed chietor!!



    


STATISTICHE
PARMA MILAN  1-1
Torna ai contenuti | Torna al menu