Vai ai contenuti

Menu principale:

Commenti e Pagelle

.


CAGLIARI - PARMA 2-2

Colombi 6 mezzo: dal primo minuto in campionato, fornisce una prestazione più che dignitosa; inizio timoroso, poi interventi alcuni risolutivi; sul primo gol poteva forse fare di più
Darmian 5 mezzo: come tutti i compagni di reparto, non passa una serata facile; in alcune occasioni Pellegrini gli crea dei problemi specialmente in occasione del gol del vantaggio degli isolani
Gagliolo 5:  partita difficile, errori sia in difesa che di misura negli appoggi; in confusione quando si spinge in avanti poco reattivo sul mani in area.
Iacoponi 5: insufficiente nelle chiusure e in ritardo in alcune chiusure; è impreciso in alcune situazioni di gioco; è la prima gara in cui risulta insufficiente dopo un campionato senza saltare nessuna gara.
B. Alves 5 mezzo: impreciso e poco sicuro come tutti i compagni della difesa .
Brugman 6 mezzo: riscatta con una grande prestazione , tutte quelle partite in cui era stato criticato; bravo in copertura e preciso in costruzione, compie però un errore che poteva costare caro. Dal 80° Sprocati 5: pochi minuti ma sufficienti per compiere errori importanti.
Siligardi 5 mezzo: cerca di rendersi utile alla squadra ma non è che gli riesce. ma gli va riconosciuto che entra dal primo minuto dopo tre mesi fuori dalla lista e non è facile trovare la condizione subito. Dal 57° Caprari 6: arrivato da un giorno a Parma si impegna e corre per cercare di essere in qualche modo positivo senza però avere spunti pericolosi.
Kucka 7 mezzo: pronti e via al primo minuto tiro fuori di poco; colpisce il palo al 32°  e si fa trovare al posto giusto per il gol del momentaneo pareggio, poi, tanti palloni recuperati, chiusure precise e consigli ai compagni con meno esperienza; praticamente partita perfetta.
Conelius 6 mezzo: il mister lo chiama nonostante qualche problema fisico e lui risponde presente segnando nei minuti di recupero il gol del pareggio; durante la gara non era però risultato preciso come in altre occasioni
Hernani 5: non ripete la gara di domenica scorsa, è impreciso negli appoggi e lento in certi frangenti come in occasione del secondo gol.
kurtic 6 mezzo: fotocopia di Kucka, copre con intelligenza e costruisce con precisione; meno efficace nelle conclusioni del suo compagno, ma comunque buonissima partita.

GLI SCHEMI? E MENO MALE CHE SALTANO
DIFESA INGUARDABILE? MA DAI SU!
GERVINHO? BACIARE DOVE PASSA, PLEASE!
GERVINHO =  EUROPA LEAGUE

ByManso - Raccontare la partita? Bhe dai su, la premessa non la si può non fare: formazione in emergenza con scelte comunque discutibili, poi, tanta fortuna, tanta  buona volontà e ottima prova di squadra quando c'era da recuperare il risultato.
Partiamo proprio da questo ultimo concetto. Il Parma, quando va sotto, diventa una signora squadra e lo diventa tanto, una signora squadra, che è più facile che recuperi il risultato, che prenda, come succede a molte altre formazioni, delle imbarcate. Si, qualche volta è successo, ma è veramente poca e non significativa cosa, rispetto a quanto ci mostra questo Campionato, visto che il Parma ha preso 5 gol dall' Atalanta e 3 gol in casa proprio dal Cagliari; sempre che si possa chiamare imbarcata, il 3-1 subito appunto con il Cagliari in casa.
Il Cagliari, comunque la si pensi, tra andata e ritorno, ha segnato 5 gol al Parma e ha creato almeno altre dieci occasioni importanti, mettendosi in luce per la sua fase offensiva, ma ha dimostrato, se ce ne era bisogno, che se pressato, va spesso in crisi.
Era andata così all'andata ed è andata così anche nel ritorno e la differenza del risultato, è leggibile, se nel calcio si può leggere qualche cosa, considerando i gol sbagliati e i pali presi dagli isolani nella partita di Cagliari.
Poco da aggiungere, tanto si capisce benissimo qual'è il discorso e dove si vuol andare a parare, ma per sicurezza, è doveroso ricordare il gioco monotematico del Parma, che a parte i primi 5 minuti ad inizio partita in cui cerca di sorprendere gli avversari di turno, poi si rintana nella propria metà campo aspettando l'errore che a volte però non c'è.
Davvero troppo monotematico questo gioco, perchè non da giustizia alla vera forza di questo Parma, che per il discorso di cui sopra (imbarcate) ha dimostrato, quando saltano gli schemi, che è superiore a molte squadre di Serie A.
Ma la via ed mez, ghela miga?  
E no, non c'è e mai ci sarà, poichè il difensivismo ad oltranza è a oltranza, punto!
Prendere campo perchè lo decidono i giocatori che logicamente non ci stanno alla sconfitta, non fa parte del gioco di una squadra; si chiamava e si chiama attaccamento ai colori!
A Cagliari nell'azione del primo pareggio, si è assistito ad un fatto mai successo a memoria di Manso da quando c'è Mister D' Aversa: Il centromediano metodista che si invola sulla fascia e che quasi dal fondo, propone il cross che porta al pareggio. Uno schema? Bhe, più facile pensare all'iniziativa di un giocatore e quindi al caso, che allo schema preparato negli allenamenti, dato che al ne se mei vist col schema lì!
Tutti han parlato di difesa non in giornata e anche i voti di Bottoli lo dimostrano; ma a sema sicur che le steda 'na giorneda negativa per tut?
Ma dai, la spiegazione sta nel fatto che se una difesa non è adeguatamente schermata dal centrocampo, va sempre e comunque in sofferenza. E gli “schermi” di centrocampo a Cagliari, non han fatto una grandissima prestazione, se pensiamo alla fase difensiva che abbiam visto da Brugman e Hernani.
I due son tecnicamente bravi, ma per ora in questo Campionato, han dimostrato che in un centrocampo moderno, fatto di velocità, tecnica, potenza e corsa, loro han davvero poco da dire.
Poi capita che proprio da loro due, nasca l'azione che ha portato al gol dell' 1-1, ma siam sicuri che questo non serva a dimostrare quanto poca consistenza abbia  la fase difensiva del Cagliari?
E no, non siam sicuri... o si?!?

Gervinho – “Gervinho ha fatto la stagione più bella della sua carriera grazie a un gruppo di ragazzi che si è messo a disposizione. Lui deve dire grazie al gruppo perché prima di venire a Parma, aveva smesso di giocare andando in Cina.” . Ma da bo Mister?
Gervinho, caro mio mister e cari miei tifosi, è arrivato a Parma tra mille storcimenti di naso, e però, è riuscito in questo anno e mezzo, a divertire i tifosi come non succedeva forse dai tempi di Tino Asprilla; con la differenza però, che i suoi gol, han salvato il nuovo Parma nella prima stagione di Serie A.
Dimenticare come li ha fatti questi gol, è dimenticarsi il Calcio con c maiuscola. Ghervinho avrebbe fatto la fortuna di qualsiasi allenatore, perchè diventa facile mettersi in dieci in difesa e passargli la palla nella propria metà campo e dirgli: fa tut al camp e po' signà! E si, davvero facile!  
Baciare dove passa, plesae!
Ghervinho, anche se, se ne fosse andato o se, se ne andrà, va ringraziato e idolatrato per quello che ha dato in campo e trasmesso al popolo crociato sulle tribune e quindi non ci sta l'accusa di essere un mercenario.
Si è parlato tanto di attaccamento alla maglia e di minchiate varie, ma dimenticare che i giocatori son dei professionisti, è dimenticare ancora una volta il calcio, che del professionismo fa una religione.
Sarebbe bello che saltasse fuori che oltre che per i soldi, Gervinho avesse deciso di andarsene perchè si è rotto le palle di fare anche il terzino. E si, la saris propria bela.
Rimane o se ne va? Bhe. Il Parma ha fatto un comunicato in cui spiega che il giocatore si allenerà a parte per punizione, ma non ha ancora deciso cosa farsene, perchè questa “punizione”, non può durare all'infinito, sia per le norme contrattuali, che per il fatto che pagarlo senza farlo giocare, sa di masochismo.
Il Parma, sempre che il Qatar non cambi idea sull'orario di arrivo del trasferimento, a questo punto ha due strade, o lo reintegra, o lo cede ad una Società straniera che ha ancora il mercato aperto. Ma sarà un affare cederlo a chi magari pretende un contributo sul suo stipendio? E no, non conviene, anche perchè ci vuole la disponibilità del giocatore (quella firmata venerdì, non vale più).
Al Parma saranno anche (giustamente) incazzati neri, ma alla fine, l'aiuto che può dare l' ivoriano alla causa che potrebbe sfociare all' Europa League, farà la differenza e perciò pensiamo che alla fine, il giocatore sarà quasi sicuramente reintegrato.
Il braccio di ferro, non conviene a nessuna delle due parti e per quanto riguarda l'affetto dei tifosi, basteranno due scuse in inglese e una sola mezza discesa delle sue, per metterci una pietra su.
Gervinho = speranza Europa Legue!
Meditate gente, meditate!   

MERCATI ANCORA APERTI Israele, Austria, Serbia, Etiopia, Benin, Oman, Macedonia, Vanuatu, Mali, Panama, Ungheria, Montenegro, Liechtenstein, Slovenia, Kosovo, Croazia, Romania, Svizzera, Argentina, Russia, Slovacchia, Ucraina, Bulgaria, Mozambico, Gibuti, Polonia,  Liberia.


Torna ai contenuti | Torna al menu