Vai ai contenuti

Menu principale:

Commenti e Pagelle

.

    
Parma-Bologna 2-2

Marcatori: 3′ pt Danilo, 16′ pt Soriano, 48′ st Kurtic, 49′ st Inglese.
PARMA CALCIO 1913: Sepe, Iacoponi, Hernani Jr, Laurini (38′ st Pezzella), Kurtic, Scozzarella (1′ st Kulusevski), B. Alves (cap.) (1′ st Karamoh), Gagliolo, Kucka (15′ st Grassi), Darmian, Sprocati (15′ st Inglese).
A disposizione: Colombi, Dermaku, Regini, Brugman, Barillà, Caprari, Gervinho.
All.: D’Aversa
BOLOGNA F.C. 1909: Skorupski, Medel (47′ st Ruffo Luci), Orsolini (32′ st Skov Olsen), Dominguez (32′ st Svanberg), Sansone (32′ st Palacio), Bani (44′ pt Mbaye), Tomiyasu, Soriano, Danilo (cap.), Dijks, Barrow.
A disposizione: Da Costa, Bonini, Krejci, Corbo, Juwara, Cangiano, Baldursson.
All.: Tanjga
Arbitro: Sig. Maurizio Mariani di Aprilia. Assistenti: Sigg. Giorgio Peretti di Verona ed Emanuele Prenna di Molfetta. IV Uomo: Sig. Antonio Giua di Olbia. V.A.R.: Sig. Fabio Maresca di Napoli. A.V.A.R.: Sig. Mauro Vivenzi di Brescia.
Note – Calci d’angolo: 6-2. Ammoniti: B. Alves (P), Barrow (B). Recupero: 4’pt, 4’st.

LE PAGELLE DI GIULIANO BOTTOLI

Sepe 5 mezzo: non viene chiamato spesso in causa per il gioco che ha svolto il Bologna, nulla può sul primo gol, poco reattivo sul secondo.

Laurini 5: per un tempo in difficoltà, meglio nella ripresa. Dal 82' Pezzella s. V..

Gagliolo 6 mezzo: limita le scorribande di Orsolini; buone due diagonali difensive, in avanti una buona conclusione e il cross che vale il pareggio.

Scozzarella 5: non riesce a dare ordine ed è travolto dal gioco con 1 e 2 in velocità del Bologna. Dal 46' Kulusevski 6 mezzo: il suo innesto modifica la gara; salta l' uomo, recupera palloni e serve passaggi invitanti per le punte.

Iacoponi 5 mezzo: qualche buona diagonale, ma è fuori posizione in alcuni frangenti.

B. Alves 5: errori in fase difensiva e anche quando deve appoggiare l'azione. Dal 46' Karamoh 5 mezzo: velocizza il gioco, ma nessuna conclusione efficace.

Sprocati 5: chiamato dal primo minuto non riesce ad incidere in nessuna azione importante. Dal 59' Inglese sei mezzo: rientra dopo un lungo infortunio giocando poco più di 30 minuti, ma gli sono sufficienti per cambiare la gara; prima prende le misure con un tiro alto e poi allo scadere del ultimo secondo sigla la rete del pareggio di rapina.

Darmian 5: schierato alto a destra non si vede in nessuna azione; va meglio quando viene spostato a difendere.

Kucka 5 mezzo: in avanti lotta su tutti i palloni ma fatica a dare ordine. Dal 59' Grassi 6 mezzo: difende con tempismo ed è preciso negli appoggi ;una buona conclusione gli viene sventata dal portiere.

Hernani 4 mezzo: primo tempo imbarazzante ed ha gradi colpe sul primo gol;  meglio nella ripresa.

Kurtic 6: è poco ordinato e fatica ad impostare ma ha il merito di segnare il gol che riapre la partita.

FORMAZIONE A PERDERE, E PERCHE'?
CHE SEGNALE HA MANDATO D'AVERSA E A CHI?
LA SPIEGAZIONE PUO' ESSERE SOLO UNA!


ByManso - Il commento alla partita? Quale partita?
Se al Parma bastano cinque minuti per fare due gol al Bologna dopo che non l'aveva mai vista, la colpa è solo del Bologna che pensava di averla già vinta dopo un quarto d'ora; ed è per questo banale motivo che nel primo tempo non ha affondato il coltello nel burro crociato.
Bene, cazzi loro!

Ma perchè il Parma è sceso in campo con quell' assurda formazione?
Qui non ci son scelte che tengano, c'è solo da ricercarne il motivo di queste scelte che han lasciato di stucco tutto il mondo gialloblu e tutti i commentatori.

Quando un Mister, manda in panchina i titolari e presenta una squadra imbottita di riserve e per di più tiene in panca le punte per far giocare al loro posto dei centrocampisti, vuol dire che vuole dare un messaggio.

E a chi lo vuol mandare 'sto messaggio, se non a quei giocatori che ha tenuto volontariamente in panchina rischiando di perdere la quinta partita filata?

Non alla Società si spera, che non credo possa essere d'accordo quando si mette a repentaglio la sua stessa serietà; perchè tutto si può dire e tutto si può inventare, ma certamente non si può dire che la squadra del primo tempo fosse una squadra seria... nemmeno il 1°agosto contro gli amatori trentini il Parma avrebbe giocato così!

E allora? Bhe, l' unica possibilità che conosciamo e che conosce chi mastica di giocatori è di uno spogliatoio che si “ribella” a certe scelte del passato o quando lo spogliatoio viene attaccato per una brutta prestazione. E però se si sente accusato ingiustamente, di solito non sta in silenzio a subire supinamente le invettive di quel Mister che per salvarsi il culo decide di scaricare tutte le colpe sullo spogliatoio stesso.

Quindi, il qui comando io del Mister, potrebbe essere la conseguenza di una ribellione e gli undici mandati in campo ieri, potrebbero essere  la conseguenza di quella conseguenza.
Sbagliato? An cred miga, ve!

Altre spiegazioni logiche non ne esistono, perchè se esistessero si metterebbe a repentaglio l'esistenza stessa della logica, che come nella vita, anche nel calcio vuole la sua!

Come avrebbe reagito in caso di sconfitta la Società messa di fronte ad un Mister che volontariamente gioca a perdere, non lo possiamo sapere, perchè Kulovic ha tolto le castagne dal fuoco; ma però sappiamo come han reagito i tifosi …  basta farsi un giretto per il web e leggerne i post.

Kulovic ha davvero tolto le castagne dal fuoco, ma il pareggio ottenuto, basterà a rimettere a posto un ambiente che è stato comunque destabilizzato da quelle scelte?

Per il bene dei crociati, tutti si spera di si, ma il dubbio c'è e rimane aperto come una ferita che continua buttare pus; quindi, anche e soprattutto per il futuro del Parma, per guarirla 'sta ferita, occorre un bravissimo medico.

Da qui non si scappa!

E la domanda che viene naturale è: D' Aversa è un bravo medico?

Ai posteri l' ardua sentenza, che tanto ardua poi non è!
Torna ai contenuti | Torna al menu