Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagelle e commento

.


PARMA LAZIO 0-2

Marcatori: 36′ st Immobile (rig.), 48′ st Correa.

PARMA CALCIO 1913: Sepe, Iacoponi, Stulac, Barillà, Gobbi, Di Gaudio (22′ st Biabiany), B. Alves (cap.), Siligardi (34′ st Ciciretti), Gagliolo, Rigoni, Inglese (11′ st Ceravolo).
A disposizione: Frattali, Bagheria, Deiola, Scozzarella, Gazzola, Sprocati, Bastoni.
All.: D’Aversa

S.S. LAZIO: Strakosha, L. Felipe, Patric (45′ st Marusic), Leiva (12′ st Berisha), L. Alberto (12′ st Correa), Parolo, Immobile, Lulic (cap.), Milinkovic-Savic, Radu, Acerbi.
A disposizione: Guerrieri, Proto, Lukaku, Wallace, Bastos, Caicedo, Caceres, Cataldi, Murgia.
All.: Inzaghi.

Arbitro: Sig. Michael Fabbri di Ravenna. Assistenti: Sigg. Fabiano Preti di Mantova e Stefano Alassio di Imperia. IV Uomo: Sig. Davide Massa di Imperia. V.A.R: Sig. Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo. A.V.A.R.: Sig. Alessandro Lo Cicero di Brescia.

Note – Calci d’angolo: 2-8. Ammoniti: Leiva (L), Gobbi (P), Siligardi (P), L. Alberto (L), Milinkovic-Savic (L). Recupero: 0’pt, 3’st. Spettatori: 18.969 (12.959 abbonati, 6.010 paganti di cui 3.801 ospiti) per un incasso di 242.019,82 Euro.

Le pagelle di Giuliano Bottoli

Sepe 6 mezzo: para tutto quello fino ai minuti finali; nulla può sul rigore di Immobile e sul gol nei minuti di recupero  

Iacoponi 5 mezzo: partita di solo contenimento, ma con qualche difficoltà

Gobbi 5 mezzo: discreta prova difensiva, ottimo quando ferma un contropiede molto pericoloso; alcuni appoggi fuori misura e poco propizio nel gioco offensivo

Stulac 6 mezzo: prova diligente nella impostazione e nei ripiegamenti in difesa che gli permettono di recuperare palloni; una buona conclusione su calcio di punizione .

Gagliolo 6: partita perfetta fino ai minuti finali quando si fa trovare in ritardo in occasione del procurato calcio di rigore

B. Alves 6 mezzo: è il regista dei compagni di difesa; insuperabile nel gioco aereo .

Siligardi 5: non ripete le ultime prestazioni; abulico e spesso fuori dal gioco ed è anche  insicuro anche con palla al piede. Dal 77° Ciciretti s.v.

Rigoni 5: si impegna ma senza fornire un qualcosa di positivo

Inglese 5: non è in condizioni fisiche perfette e si vede; non riesce a fare salire la squadra , nella unica ripartenza pericolosa del primo tempo, non serve la palla al compagno in posizione migliore. Dal 58° Ceravolo 5 mezzo: lotta ma poco più

Barillà 6: solita partita di grande corsa e tanta abnegazione nel recupero palloni; meno qualità a cui ci aveva abituato nelle ultime prestazioni

Di Gaudio 5: fallisce l' unica vera occasione creata; commette troppi errori di misura ed è  poco produttivo. Dal 68° Biabiany 5: mai visto

Lazio: Strakosha 6, Luiz Felipe 6, Acerbi 6 , Radu 6 mezzo , Patric 6 mezzo (dal 90° Marusic s.v.), Parolo 5 mezzo, Leiva 5, (dal 57° Beriska 6 mezzo), Milinkovic Savic 6 , Lulic 6, Luis Alberto 5 (dal 57° Correa 6 mezzo), Immobile 6.

Gran bel primo tempo, secondo da dimenticare!
La differenza sta tutta nei cambi!
Meglio uno scoppiato di uno gramo!!
A 10 minuti dalla fine, "palla in tribuna"

Bymanso – La sconfitta ci sta, è innegabile, ma per come è venuta, l'amaro in bocca non può non essere rimasto a tutto il Tardini. Il Parma di ieri, non è stato il solito Parma visto in questo scorcio di campionato.
Con la Lazio, nel primo tempo, il contropiede è stato manovrato, non isolato. Tanto manovrato, che a tratti che il Parma sembrava avere anche un gioco.

Di questa cosa del gioco, ne abbiam parlato a iosa (butla là e sperema cal faga gol) e quindi è anche del tutto riparlarne, ma quando giochi un primo tempo come quello di ieri (una sola occasione per la Lazio), poi devi chiederti cosa è successo nel secondo!

Ecco, il secondo tempo! La squadra si è abbassata molto e le magagne son emerse in maniera importante, poiché senza alcuni interpreti, è anche sparito tutto quanto fatto vedere nel primo tempo.

Non si può non notare che i cambi han influito in maniera determinate. Davvero un peccato che quelle forze fresche, che dovevano dare il loro contributo in corsa e determinazione, alla fine han  deluso indebolendo in maniera decisiva la squadra.

Non difficile, dopo ieri, dire: meglio un buono scoppiato, di uno gramo fresco che fa il buono!

Arrivare all' 80° sullo 0-0 con la Lazio, e poi perderla perchè giocavi in 8/9, fa brucio. Fa molto ma molto brucio, se pensi che quei due o tre non pervenuti, erano stati mandati in campo per aiutare chi aveva tenuto il coltello tra i denti per tutti quei 35 minuti del secondo tempo.

A bocce ferme e dopo aver rivisitato la partita, non è difficile sentenziare che in quegli ultimi minuti serviva più forza che cognizione. Biabiany, e Ciricetti, son entrati in campo più per loro che per la squadra e Ceravolo, purtroppo, non va più in la di un grande impegno.

Sempre con le bocce ferme e ben saldate al terreno, si può ben dire che servivano giocatori che non badassero troppo al sodo e che mordessero le caviglie a gente come Beriska e Correa, che in quanto a tecnica e determinazione han fatto vedere come si entra in campo “da riserve”.

Ci voleva la “sfacciatagine” di togliere gli stanchi e di mettere gente con corsa e carattere, come Deiola, Bastoni o Sprocati.

Il Parma, del primo tempo, ha interpretato davvero bene la partita, un po', perchè non si può permettere di fare altro e un po', perchè il solo difendersi avrebbe dovuto chiamare in causa il solito Kulowic.

Ieri, zero fortuna e solo tanti meriti, conditi però come abbiam ben visto, da qualche determinante demerito.

I numeri, come da tabella, non son cambiati e se come sempre diciamo, non fan un gran testo, pensare di ignorarli è cosa che non si fa, tanto più non si fa, se si pensa che il Parma è la squadra che ha meno possesso palla di tutta la Serie A ed è anche tra le ultime come tiri nella porta avversaria.

Da ciò, il Parma deve fare di difetto virtù, e con questa “striminzita” rosa, deve sapere che se arrivi all' 80° sullo 0-0 con la Lazio, si può e si deve giocare a “palla in tribuna”, senza pensare alla vergogna!

Se non abbiamo vergogna a vincere inserendo Kulowic, tanto meno dobbiamo aver vergogna di inserire due difensori a quindici minuti dalla fine contro la Lazio, perchè Kulowic è Kulowic e la prevenzione è prevenzione. Punto!

E le virgole, che se la strighino!


CRONACA DELLA PARTITA
STATISTICHE
PARMA LAZIO 0-2
90+5'
 
Questo è tutto per oggi perchè la partita è finita.
90+4'
 
Ciro Immobile passa il pallone in area. Joaquin Correa (Lazio) raccoglie l'invito e segna in velocità calciando all'angolino basso di destra! Palo-gol, il portiere non ha potuto nulla. Risultato: 0:2!
90+1'
 
Cambio. Patric Gabarron abbandona il campo e Adam Marusic (Lazio) entra in sostituzione.
88'
 
Sergej Milinkovic-Savic (Lazio) viene ammonito e può essere felice per non essere stato espulso.
87'
 
Ciro Immobile (Lazio) aggancia un preciso passaggio e solo davanti al portiere lascia partire il tiro sverso la destra. Luigi Sepe è attento però e in tuffo riesce a respingere.
81'
 
Ciro Immobile (Lazio) trasforma il rigore con un bel tiro a giro all'incrocio di sinistra! Tiro davvero ben piazzato!
79'
 
Cambio. Luca Siligardi guadagna la via per gli spogliatoi, Amato Ciciretti (Parma) subentra al suo posto.
68'
 
Ecco il cambio. Antonio Di Gaudio ha lasciato il campo e Jonathan Biabiany (Parma) è entrato in sosituzione.
57'
 
Sostituzione. Valon Berisha (Lazio) ha lasciato il posto a Lucas Leiva.
57'
 
Il mister ha deciso di togliere Luis Alberto e di buttare nella mischia Joaquin Correa (Lazio).
57'
 
Cambio. Dentro Fabio Ceravolo (Parma), fuori Roberto Inglese.
52'
 
Luis Alberto (Lazio) è servito da un preciso passaggio sul limite dell’area e lascia immediatamente partire un rasoterra vicino al palo sinistro. Il suo tentativo è stato sventato dall'attento portiere, che salva con una stupenda parata. Lazio guadagna un angolo.
52'
 
Preciso passaggio in area ricevuto da Ciro Immobile (Lazio) che con rapidità calcia in porta. Il tiro manca un po' di precisione e termina appena largo sulla sinistra. Il pallone esce dal rettangolo di gioco, sarà rimessa dal fondo per Parma.
50'
 
Infrazione del regolamento e l'arbitro mostra il cartellino giallo a Luis Alberto (Lazio). Pienamente meritato.
47'
 
Luca Siligardi (Parma) si prende un meritatissimo giallo.
46'
 
Tutto è pronto per l'inizio del secondo tempo, ci siamo, partiti.
45'
 
E' tutto per la prima frazione. Michael Fabbri ha fischiato la fine.
42'
 
Un grande tocco di Patric Gabarron (Lazio) che è stato raggiunto da un cross in area. Esplode una rapida conclusione indirizzata vicino al palo di sinistra, ma il portiere risponde in maniera superba mantenendo la palla fuori dalla porta. Una parata di livello mondiale!
32'
 
Massimo Gobbi (Parma) riceve il giallo per un fallo. L'arbitro è stato un po' troppo severo questa volta.
30'
 
L'arbitro mostra il giallo a Lucas Leiva (Lazio). Nessun dubbio, il cartellino era giusto.
20'
 
Roberto Inglese (Parma) si incunea con facilità nella difesa avversaria e arriva di fronte alla porta. Prova quindi a battere il portiere ma il tiro termina largo sulla destra. La palla è oltre la linea di fondo campo, Lazio rimetterà dal fondo.
Torna ai contenuti | Torna al menu