Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagelle e commento

.


UDINESE  PARMA   1 - 2

Marcatori: 11′ pt Inglese (rig.), 6′ st Okaka, 23′ st Gervinho.

UDINESE CALCIO: Musso, Opoku, Ekong, Fofana, Okaka (29′ st Machis), De Paul, Behrami (cap.), Lasagna, Nuytinck, Larsen, D’Alessandro (43′ st Balic).
A disposizione: Perisan, Nicolas, Micin, Ter Avest, Pontisso, Iniguez, Zeegelaar, Coulibaly.
All.: Nicola.

PARMA CALCIO 1913: Sepe, Iacoponi, Stulac (46′ st Scozzarella), Deiola (28′ st Kucka), Barillà, B. Alves (cap.), Gervinho (43′ st Gazzola), Gagliolo, Inglese, Biabiany, Bastoni.
A disposizione: Frattali, Dimarco, Ceravolo, Sierralta, Gobbi, Di Gaudio, Siligardi, Dezi, Sprocati.
All.: D’Aversa

Arbitro: Sig. Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo. Assistenti: Sigg. Stefano Liberti di Pisa ed Edoardo Raspollini di Livorno. IV Uomo: Sig. Antonio Rapuano di Rimini. V.A.R: Sig. Gianluca Aureliano di Bologna. A.V.A.R.: Sig. Fabiano Preti di Mantova.

Note – Calci d’angolo: 7-2. Ammoniti: Opoku (U), Okaka (U), Deiola (P). D’Alessandro (P). Recupero: 2’pt, 4’st.

LE PAGELLE DI GIULIANO BOTTOLI
 
Sepe 7: un artefice della vittoria con interventi decisivi; da annotare, un netto miglioramento nel gioco con i piedi

Iacoponi 5 mezzo:  qualche indecisione uno contro uno, si fa vedere anche in avanti ma senza incidere.

Gagliolo 6:  un' indecisione nella prima parte, ma poi si riscatta nella seconda con due buoni recuperi su azioni pericolose.

Stulac 6 mezzo: recupera palloni e da ordine al gioco con qualche verticalizzazioni interessante, ha il merito di immolarsi nel recupero del pallone per la fuga di Gervinho. Dal 92° Scozzarella S.V. .

Bastoni 5 mezzo: meno preciso del solito; qualche indecisione specialmente in occasione del pareggio.

Bruno Alves 6: insuperabile nel gioco aereo, va fuori misura in alcuni appoggio; ha colpa insieme a Bastoni nel pareggio.

Biabiany 6: efficace e continuo sia in aiuto alla difesa che nel gioco offensivo; meritava sicuramente un voto più alto, ma fallisce una grande occasione per riportare in vantaggio la squadra, che gli "mangia" almeno un punto!

Deiola 6 mezzo: partita di sostanza e di contrasto al gioco avversario; da annotare una professionalità indiscutibile . Dal 72°  Kucka S.V..  

Inglese 6 mezzo: in molte occasione aiuta a far salire la squadra seppur martoriato da falli continui; freddo dal dischetto, fallisce poi una buona occasione da posizione molto invitante.

Barillà 6 mezzo: recupera fisicamente, la differenza dalle ultime prestazioni si nota; si mette a disposizione dei compagni con temperamento e combattività.

Gervinho 7 mezzo: con la sosta recupera fisicamente e si vede; è praticamente incontenibile e neanche con le cattive lo fermano. Segna il gol della vittoria e fa un assist a Biabiny perfetto che però lo stesso Biabiany spreca. Dal 87° Gazzola S.V.

Gioco, il Parma ricomincia da dove l'avevamo lasciato!
Il risultato sorride, la fortuna anche; avanti così!
Kucka? Rimandato per mancanza di minuti, ma ......
Del Ciaina ne vogliamo parlare? La botte è comunque di ferro!

BymansoL'abbiamo riavuto come lo lo avevamo lasciato. Stessa conduzione del primo tempo e stessa conduzione del secondo. Solo il risultato è cambiato, ma si sa, l'Udinese non ha certamente la qualità della Roma e se in più ci mettiamo che tutto è tornato a girare nel verso gialloblu, ci abbiam messo tutto.
    

Se non fosse che il primo tempo il Parma ha giocato alla pari, o quasi, non avremmo di che cronacare o di commentare. Un Parma che ha tenuto il campo abbastanza bene e che ha ribattuto colpo su colpo i tentativi dell' Udinese con azioni anche corali dei centrocampisti che supportavano in modo finalmente decente gli attaccanti e una difesa che saliva per supportare a sua volta il centrocampo. Si, quei famosi dieci metri di cui abbiam sempre parlato, nel primo tempo il Parma li aveva guadagnati.  

La difficoltà nella gestione di palla era la solita, ma visto che contro c'era l' Udinese, sembrava davvero che i crociati avessero cambiato qualcosina.  
Illusione bella e buona, però. Il secondo tempo è ritornato ad essere quel catenaccio puro, che lascia poco da intendere anche a chi vuol imparare ad intendersi di calcio.  

Il Parma si tiene quindi ben stretto il risultato, com'è giusto che sia, ma soprattutto si tiene ancor più stretta la classifica che in virtù degli altri risultati sta facendo davvero venire le vertigini.

Teniamoci stretta anche la fortuna e il gioco è fatto. Anzi, se, come sembra, il “ciostro fortunato” ha inciso foglia su foglia la croce parmigiana con l' inchiostro indelebile, i limiti da traguardare a questo Parma non possono essere messi.

Si potrebbe parlare del calcio moderno e dell'interpretazione che ne hanno gli avversari, che pur sapendo quali sono le qualità del Parma, non ne riescono ad individuare i difetti, cadendo perciò in ingenuità, che stanno a dimostrare quanto profumi di pochezza la preparazione delle partite; ma se così funziona, saran poi cavoli loro!

Le note individuali positive, anche ieri ci son state, e mi han anche sorpreso.  
Se per Gervinho, potevo ben immaginare il partitone, poiché arrivava da un lungo riposo e perchè ero sicuro che avrebbe trovato immensi spazi, la sorpresa è arrivata da Biabiany, che fino a ieri era stato a volte anche il peggiore in campo.  

E però, è anche vero che se ti fanno giocare fuori ruolo, mica è colpa tua se fai figuracce! Terzinaccio è cosa, corridore sulla fascia intera è altra, e ieri Biabiany è stato appunto altro. Bravo, ne son contento, sia per il Parma che per lui, che dopo le mille vicissitudini vissute negli ultimi anni, si merita di ritornare un copia incolla di quello che fu! Speriamo continui così!

Altra nota positiva la si può raccontare con la partita di Sepe, che pian piano sta convincendo anche lo scettico che è in me. Sabato, è stato si fortunato, ma anche molto bravo e soprattutto molto sicuro.

Un po' sotto tono, il Lord Inglese, che nonostante gli spazi, non è riuscito a fare quelle giocate che fin dall' esordio, proprio contro l' Udinese al Tardini, ci han convinto sulle sue qualità fatte di lotta, tecnica, fantasia e velocità di esecuzione. Magari è anche vero che ha dovuto lottare sempre contro almeno due avversari, ma è altrettanto vero, che a me è sembrato che giocasse più di fioretto che di altro. Impressioni solo mie? Dai, diciamo di si!

Di “cos Cucka”, è infelice parlarne, poiché è entrato al piccolo trotto e quel piccolo trotto ha tenuto fino alla fine. Venti minuti più recupero, non fan certamente testo, quindi rimandiamo il giudizio di un mesetto (?!?). Certo però, che è innegabile che con lui in campo, il Parma è destinato a perdere in forza fisica e anche in centimetri (Nicola però, ha pensato di togliere Okaka, equilibrando così, i centimetri che sarebbero mancati al Parma). La fisicità, nel calcio moderno è fondamentale per ogni squadra, e lo diventa ancor di più, se si parla di centrocampo. Bhe, sperema be!

Del Ciaina sarebbe anche giusto parlarne, ma quelle che stan succedendo, son cose che si potevano immaginare, proprio come le avevamo immaginate noi. Le litigate tra Soci, non sono inusuali quando si tratta di money, anzi, direi che son proprio dovute. Tanto dovute, quanto inopportune! E tanto inopportune, che di solito va sempre a finir male per la Società che fa da contenitore a questi litigi.   

Ma come abbiam sempre affermato, il Parma non ha nulla da temere, poiché Ciaina o non Ciaina, la botte con dentro i Seven Gold Men, è, e rimarrà sempre di ferro!  

T'gni dur ragaz!!

Bhe, ragaz per mod ed dir, ve!



CRONACA DELLA PARTITA
STATISTICHE
UDINESE  PARMA  1-2
90+5'
 
La partita è finita.
90+2'
 
E' arrivato il momento del cambio. Matteo Scozzarella (Parma) dentro per Leo Stulac.
88'
 
Ecco il cambio. Marco D'Alessandro uscirà e nel frattempo Davide Nicola può dare le ultime delucidazioni a Andrija Balic (Udinese).
88'
 
Ecco il cambio. Gervinho esce dal rettangolo e Marcello Gazzola (Parma) può salire.
74'
 
E' stato chiamato un cambio. Darwin Machis (Udinese) rimpiazzerà Stefano Okaka.
72'
 
Roberto D'Aversa ha deciso di cambiare. Juraj Kucka (Parma) sostituirà Alessandro Deiola.
68'
 
La partita viene interrotta. Giallo nei confronti di Marco D'Alessandro (Udinese). Ora dovrà stare molto attento se non vorrà essere espulso.
68'
 
Leo Stulac passa a Gervinho (Parma) che con le sue finte mette a sedere il portiere e con tranquillità deposita in rete.
66'
 
Rodrigo De Paul (Udinese) spreca una grande occasione! Si è avventato sulla respinta dentro l’area ma ha spedito la palla solo contro il legno sinistro!
55'
 
Senza nessuna esitazione l'arbitro mostra il cartellino giallo a Alessandro Deiola (Parma) per un fallo.
50'
 
Stefano Okaka (Udinese) colpisce di testa il rimbalzo del pallone nell'area piccola e riesce a spedirla in rete dritto al centro! 1:1.
49'
 
Eccellente tocco di Roberto Inglese (Parma)! Arriva su un millimetrico passaggio filtrante in area e lascia partire un rasoterra indirizzato al centro della porta. Il portiere risponde in maniera superba e compie un salvataggio.
46'
 
Il secondo tempo è appena cominciato.
45+3'
 
Fine della prima metà.
39'
 
Giallo giusto per Stefano Okaka (Udinese). Entrata molto ruvida, Paolo Mazzoleni non ha esitato ad estrarre il cartellino.
34'
 
Nicholas Opoku (Udinese) prende un giallo per un brutto intervento e dovrà stare molto attento fino alla fine della partita.
26'
 
Occasione d’oro! Jens Larsen (Udinese) raggiunge un cross in area e trova lo spazio per il tiro. Scaglia però la palla senza precisione larga oltre il palo destro.
11'
 
Roberto Inglese (Parma) trasforma il rigore spiazzando completamente il portiere.
11'
 
Esultano i giocatori del Parma, l'arbitro ha assegnato il rigore dopo il VAR!
10'
 
L'arbitro Paolo Mazzoleni fa il segno del VAR e va a controllare l'azione che potrebbe regalare il rigore a Parma. Attimi di suspense!
Torna ai contenuti | Torna al menu