Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagelle e commento

.

Carpi - Parma 2-1
Le pagelle di Giuliano Bottoli

Frattali 5 mezzo: non impeccabile sulla punizione che porta in vantaggio i padroni di casa , si infortuna per un intervento salva risultato sui piedi dell' attaccante e viene sostituito. Dal 55° Nardi 6 mezzo: entra a freddo e si fa notare subito per  due interventi e una buona sicurezza tra i pali e nelle uscite

Mazzocchi 5: sempre in difficoltà sugli avversari di turno e in avanti non si vede quasi mai; quando si è proposto non è stato positivo

Gagliolo 5: non è riuscito a prendere le misure a Pasciutti; indeciso sul raddoppio ed in avanti non si è visto

Scozzarella 5 mezzo: un discreto primo tempo con buoni fraseggi, ma nel secondo si spegne come tutta la squadra per colpa del cambio di modulo (4 2 4)

Iacoponi 5 mezzo: in difficoltà anche lui come i compagni di reparto

Lucarelli 5 mezzo; tanti lanci lunghi  per rilanciare le azioni che risultano anche fuori misura ; meglio nella fase difensiva

Insigne 6 mezzo: ormai è l' attaccante più pericoloso, un gol e spunti che mettono in apprensione la difesa del Carpi

Munari 6: primo tempo con buone giocate e un palo che poteva cambiare il volto della gara; secondo tempo spento come tutta la squadra

Baraye 6: si rende pericoloso con un paio di tiri pericolosi e recupera il pallone che serve a Insigne che accorcia le distanze; prova sufficiente nel nuovo ruolo

Barillà 5: alcuni recuperi difensivi belli, ma poi è negativo in fase costruzione. Dal 63° Nocciolini 5: non si vede mai, ma questo squadra non può sopportare 4 punte.

Di Gaudio 5: mai pericoloso in avanti , solo una conclusione degna di nota, da ex non lascia il segno. Dal 77° Siligardi 4 e mezzo: nell' unica occasione su calcio piazzato spara alto


Tanta sfortuna, ma D' Aversa ci ha messo del suo!
Come sempre, due partite nella partita!
Il 4 2 4, questa squadra non lo sopporta!
Cambi tutti sbagliati e secondo tempo inguardabile!
Scaglia, Dezi e Corapi finiti nel dimenticatoio!

Bymanso - Innanzitutto diciamo che il Parma come tante altre volte in questo campionato ha giocato due partite in una e per questo il giudizio va diviso logicamente tra primo e secondo tempo.

D'Aversa ci ha messo purtroppo ancora del suo (inesperienza) e forse è stato la causa principale di questa sconfitta, che è arrivata proprio in quei primi minuti in cui il Parma ha costruito le ultime vittorie.
Il Parma però, non meritava di chiudere il primo tempo sotto di un gol, anzi, si potrebbe dire che forse meritava di essere in vantaggio, anche se oltre ai due gol, il Carpi aveva costruito almeno tre azioni super pericolose, ma comunque i crociati nel complesso non avevano affatto demeritato, tanto che tutti, ma proprio tutti si aspettavano un secondo tempo in continuità con il primo.

D'Aversa però, non l'ha pensata evidentemente così, e perciò ha inserito l'impalpabile Nocciolini dopo solo un quarto d'ora della ripresa, con il risultato di sbilanciare la squadra in un insulso 4 2 4, che ha lasciato infilato nel tunnel degli spogliatoi quella umiltà che tanto aveva dato in punti nelle ultime partite.
Il Parma, lo abbiamo detto (solo noi) fin dall'inizio di questa Serie B, deve giocare super coperto e agire in velocità se vuole avere qualche possibilità di portare a casa il risultato, perchè quando si mette in testa di voler far gioco, alla fine poi, giocano gli altri.

Un 4 2 4 quello che ci ha proposto il Mister, che non ha creato una solo palla gol, e che ha costretto i difensori a cercare con costanza il solo calcio lungo. Un passo indietro, che davvero non ci saremmo aspettati, ma che purtroppo è arrivato.

Con i se  e con i ma, non si va molto lontano e nel calcio questo vale sempre, perchè la controprova non fa parte del gioco, ma le convinzioni e le certezze, forse contano anche qualcosina. O no?
D' Aversa, voleva rendere un po' più spregiudicata la squadra? Bene, avrebbe dovuto inserire Dezi, che a quanto inserimenti in attacco è forse il più dotato dei centrocampisti. Nocciolini purtroppo, nonostante il sempre grande impegno, non è giocatore da ribaltare gli equilibri in Serie B e anche ieri lo si è ben visto.

Munari come sempre, ha giocato mezza partita, perchè dopo un'oretta i segni dell'età emergono sempre tutti, ma sembra che il mister proprio non si accorga del suo cambio di passo (prima corre poi passeggia) e forse, ma anche senza forse, era lui che doveva essere cambiato dopo un quarto d'ora del secondo tempo e non con Nocciolini, ma con Dezi!
D' Aversa Dezi, lo ha fatto giocare l'altra settimana e poi non lo ha impiegato ieri nel secondo tempo quando poteva essere la sua partita. Non è che Dezi, come è successo a Scaglia ora sarà messo in quell' angolo dello spogliatoio riservato ai  dimenticati (e Corapi ieri non serviva?)? Nel secondo tempo, visto il risultato e l'incapacità di creare azioni degne di questo nome, era proprio il caso di togliere l'insipido Mazzocchi e di inserire Scaglia, che in quanto a piedi è tutta altra cosa dal giovane crociato; tanto a fase difensiva, non sono troppo diversi, visto che entrambi sono spesso in difficoltà nel uno contro uno.

Il 4 2 4, questa squadra proprio non lo digerisce, e se proprio lo si deve usare per tentare di recuperare il risultato, bisogna farlo solo negli ultimi dieci minuti, quando il buttare là palloni diventa una cosa fisiologica.

Baraye, impiegato come centravanti di movimento, ha svolto in modo perfetto il suo compito quando esistevano gli spazi per poter manovrare (due tiri e un passaggio gol), ma poi nel traffico è sparito. Forse voleva tirato indietro lui e messo Nocciolini a fare la prima punta e se queste erano le intenzioni del mister, qualche cosa di sbagliato in campo c'è stato, perchè chi ripiegava era proprio solo Nocciolini. Bhe, almeno dopo tante partite, D' Aversa finalmente (mezzo Tardini lo chiedeva) ha capito che il senegalese, può prendere, con ottimi risultati (salta l'uomo e tira), il posto di Calaiò quando questi non c'è o è stanco (l'età è l'età!).

La scorsa settimana avevamo chiuso l'articolo chiedendoci cosa sarebbe successo quando saremmo andati sotto e ieri abbiamo ricevuto la risposta. Non certamente una bella risposta quella arrivata da Carpi, ma il calcio è strano e se la fortuna che ti aiutato in certi risultati, e che è componente fondamentale nel risultato, ti volta le spalle, sei davvero rovinato.

E si, tanta sfortuna nel primo tempo e però tanta frenesia da parte della panchina nel secondo; e come si sa, la fretta è cattiva consigliera, e tanto più la è, quando c'è tutto il tempo per recuperare il risultato.

D' Aversa al solito ha visto solo una parte della partita e in Tv ha dichiarato che se sbagli i gol, poi il risultato non ti sorride. Beh, caro mister, è tanto vero quello che hai detto, che nessuno può darti torto su questa massima, ma è altrettanto vero che se dimentichi che vale anche per gli altri, alla fine strappi solo dei sorrisi, perchè non puoi dimenticare che se nel primo tempo il Parma ha sfiorato più volte il 2-2, nel secondo è stato il Carpi ad andare più vicino al 3-1!

Umiltà, serve ancora solo tanta umiltà, sia fuori, che in campo. Se molliamo l'umiltà dello stare coperti e di agire in contropiede, ne perderemo tante. Forse troppe!

Ps: non sono d'accordo con Bottoli sul 5 e mezzo a Frattali, perchè se si è stati in partita fino alla fine, il merito è davvero solo suo (le parate ad inizio secondo tempo). Sulla punizione, visto che gli ha battuto davanti con il campo bagnato, la parata imperfetta nella deviazione, ci sta; quello che non ci sta, è che il primo ad arrivare sulla palla sia stato un avversario. Fin da piccoli ti insegnano che si deve sempre andare a coprire l'eventuale respinta del portiere e ieri qualcuno ha dormito! L' errore quindi non lo imputerei solo a Frattali, anzi, direi, viste le condizioni del campo, che è il meno colpevole! Frattali voto 7!
Torna ai contenuti | Torna al menu