Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagelle e commento

.

Perugia - Parma 3-0
Le pagelle di Giuliano Bottoli

Frattali 5: compie un buon intervento sul 1-0 , ma è poco reattivo sui tiri da lontano

Iacoponi 5: partita disastrosa assieme ai compagni di reparto; non riesce a frenare l' avanzata degli attaccanti sulla sua fascia .

Scaglia 5: male come difensore ed in avanti non riesce mai ad incidere .

Munari 5: oltre ad essere lento non riesce a dare ordine al gioco; prende una ammonizione evitabile. Dal 52° Scozzarella 5: cerca di velocizzare il gioco con qualche profitto , ma in una occasione di pressing perde la palla che costa il terzo gol.

Di Cesare 5: il tempismo e il giocare in anticipo delle ultima gare non si vede. La velocità degli attaccanti lo mettono in crisi .

Gagliolo 4 mezzo: una metamorfosi inspiegabile dopo le ottima altre prestazioni; fase difensiva disastrosa , appoggi imprecisi e per finire ha una buona occasione per segnare ma la conclude malamente .

Siligardi 5: uno dei pochi che cerca di offendere con la sua velocità, ma però non riesce a rendersi pericoloso. Dal 72° Ceravolo 6: poco tempo a disposizione ma sufficiente per segnare un gol regolarissimo che soltanto un arbitro insufficiente poteva annullare.

Dezi 5: non riesce a cucire nessuna azione degna di nota e non conquista palloni nei ripiegamenti .  

Calaiò 5: nessuna giocata delle sue e nessuna conclusione: gli avversari non gli concedono nessun pallone .

Barillà 4 mezzo: giornata da dimenticare, anche le giocate semplici non gli riescono; uno contro uno non vince nessun duello. Dal 52° Di Gaudio 5 mezzo: mette in evidenza la sua velocità ma senza creare grossi problemi agli avversari .

Baraye 5: servito poco e male combina poco, ma è comunque l'unico, o quasi, ad impensierire il portiere.



Il Commento
La conferenza stampa? D'Aversa è un uomo solo!
Due partite diverse: D' Aversa-Calaiò
Il 4 3 3 del Parma è una ciofeca inimmaginabile!
Finito culo, Finiti punti?
Ci sono ancora le panchine della TEP?


Byamanso - L'intervista di Mister D'Aversa dopo la pesante sconfitta al Curi è parsa una colossale presa in giro a tutti coloro che avevano visto la magra figura del Parma.  Niente di nuovo sul fronte della panchina gialloblu di Mister DAversa, anche lo scorso campionato abbiamo assistito al lavoro di questo strabiliante macchinario che serve per tirare l'acqua al proprio mulino.

Ieri però credo abbia passato ogni limite, perchè la cassa di risonanza della Serie B è ben diversa da quella Lega Pro; la figuraccia mediatica che ha fatto a livello nazionale, credo che se la porterà dietro per un po', perchè è stata ben peggiore della magra figura fatta dalla squadra contro il Perugia.

Noi a Calcioducale/Emiliagol, abbiam sempre contestato questo gioco del Parma, lo scorso campionato, verso la fine, siam arrivati a dimostrare che Apolloni e D' Aversa avevano espresso un gioco diverso, che portava però lo stesso risultato: al feva schifo!

Dimenticavo la dimostrazione: I due mister avevano in 14 partite, quasi la stessa media punti, (1,4 Apolloni e 1,6 D'aversa), ma ricordo che sottolineammo il fatto che le squadre erano profondamente diverse.

Con questo non volevamo difendere Gigi Apolloni di cui contestammo (unici dei media) la riconferma dopo la vittoria della Serie D, ma volevamo solo far presente che forse D'Aversa non era poi quel gran Allenatore che qualcuno ci voleva far credere (fu l'ultima scelta, o il primo che ha accettato durante quei  famosi 15 giorni traumatici, che hanno pochi eguali nella storia del calcio)

Detto del passato, detto del presente, e assodato dalla storia che è meglio un allenatore fortunato (play off) di uno bravo (non parliamo di Apolloni), dobbiamo anche aggiungere che “finito culo, finiti punti”, e perciò finito anche  l'allenatore fortunato!

La conferenza stampa di ieri, potremmo contestarla punto per punto, ma sarebbe come cercare di correggere un film già visto girandone un altro, sapendo a priori che il protagonista non ne vuol  sapere di ammettere con onestà, che quella parte proprio non gli appartiene.

D' Aversa non ha visto un'altra partita.
D' Aversa ha solo cercato di difendere la sua panchina sapendo che dopo questa settimana potrebbe trovare libera solo quelle della TEP, se riesce a trovarne ancora una che stia su!

E' parso un uomo solo!
Tanto solo, che pur di trovare compagnia, ha buttato la croce addosso a tutto quel che si muoveva.
Traducendolo, si scopre (accusa?) che il DS Faggiano ha preso il giocatore più costoso e forse più buono, che è vittima di un lungo infortunio e  non si sa quando potrà giocare al 100% (pubalgia?) . Ancora: la colpa è dei giocatori che vanno in campo pensando di aver già vinto perchè sono il Parma. Non tocca a lui provvedere all'inconveniente?

Non ha però parlato, come altre volte di approccio sbagliato alla partita (magari ci legge), anzi, si è inventato al pronti via, due occasioni che solo lui ha visto.
E no, non poteva parlare di approccio e per questo ha inventato quelle due occasioni; qualcuno deve avergli spiegato che quella parte, cioè sto benedetto approcci,o è nelle responsabilità di un Mister, come lo è la tattica dal tut indrè di cui non parla mai.

Non ha parlato nemmeno di concretezza come altre volte.
E  no, non poteva parlarne, perchè altrimenti tutti avrebbero capito che il Perugia nel primo tempo avrebbe dovuto segnare cinque gol.

Ma il massimo ce lo ha dato quando ha parlato del Perugia raccontandoci che quella è una squadra fortissima che lo scorso campionato ha raggiunto i play off.
Tutto vero, ma anche qui, si è dimenticato di soffermarsi sul fatto che al Perugia mancavano ben 5 titolari!

Noi però che lo sappiamo, siam davvero preoccupati, perchè non ci scordiamo che nelle prime quattro partite abbiamo incontrato quattro squadre decimate da squalifiche e infortuni.

Due di queste partite le abbiamo vinte con una buona dose di fortuna, e le altre due nonostante le decimazioni, le abbiam perse.
Cosa succederà quando incontreremo squadre al completo o quando saremo noi ad avere le defezioni?

Purtroppo Mister D' Aversa, in questi 10 mesi, ci ha dimostrato che nel suo calcio, qualcosina che “struza la ghé!”.

E' dalla prima uscita ufficiale che diciamo che questo 4 3 3, è una ciofeca inimmaginabile, ma purtroppo non è immaginazione quello che abbiamo visto in queste cinque partite!

Non abbiamo un centrocampista in grado di saltare l'uomo a centrocampo per creare superiorità numerica e quindi le palle che arrivano alle tre punte son passaggi più che prevedibili. Pensare di vedere gol come quelli di Bonaiuto del Perugia, è impossibile!

Da ciò, nessuna sorpresa per le difese avversarie dal gioco, e infatti siamo pericolosi solo da calci piazzati.
I tanti calci d'angolo racimolati ieri raccontano proprio questo: le difese contro di noi son sempre super piazzate e ti mandano sempre a fare un cross che nove volte su dieci non passa.  

Scaglia ha fatto il laterale basso lo scorso campionato in Lega Pro, ma in B giocava alto. E' arrivato a gennaio dal Latina per prendere il posto di Baraye, che nel frattempo era esploso. In pratica non proprio inventato il suo ruolo, ma quasi. Ora in Serie B gioca sempre lì, ma son cambiati gli avversari e ad ogni partita si vede bene quando lo puntano che quel ruolo glielo hanno ritagliato per fargli spazio. Non è il suo in Serie B. Punto!

Frattali è bravo con i piedi, bravissimo nelle uscite e sull'intuito per neutralizzare tiri ravvicinati non è secondo a molti. Ma allora perchè a dicembre dello scorso anno non aveva squadra? Ormai a Parma l'han capito in molti, non tutti, ma molti si! Purtroppo sui tiri da lontano è un'autentica frana. Non parte sul tiro, quindi quando se lo vede arrivare è sempre in ritardo. Tanto in ritardo che li fa sembrare tutti imparabili. E si, se son imparabili che mi butto a fare? Dit axi, a diris cal ga ragio' lu!!
Ma non così la pensano in Serie B dove evidentemente lo conoscono bene, mai visti tanti tiri da lontano come contro di noi!

Munari? Dai su, ha trentacinque anni, e nonostante si impegni alla morte, la sua resa è quella della neve al sole. In pratica si soglie con i passare dei minuti creando non pochi problemi alla manovra del centrocampo.

Baraye è l'unico con passo e velocità, ma all'ala si perde e soprattutto perde la cattiveria che ha quando mentalmente sente di essere vicino alla porta. E' il migliore dei suoi, ma non è messo in condizione di rendere appieno per quelle che sono le sue doti.

Vederlo girare attorno a Calaiò, è chiedere l'impossibile a questo mister, che purtroppo non capisce che se fa giocare tre punte una a 30 metri dall'altra, rende sempre la vita facile alle difese avversarie, che hanno tutto il tempo di andare a chiudere con due difensori sull' attaccante crociato in possesso di palla.

Parliamo del fatto che dalla parte opposta di Baraye non si trova continuità di giocatore? Non ha il terzo attaccante esterno e quindi lo cerca facendoci giocare 5 giocatori diversi in quattro partite? Eppure ne han comprati tre! Eni tut gram?

Calaiò è un grandissimo giocatore, e ha colpi che la maggior parte degli attaccanti di Serie B si sognano, ma se non consideri che ha trentacinque anni, e che non può correre a destra e a manca, vuol dire che il modulino con i numerini, viene prima delle caratteristiche dei giocatori.

E se la pensi così, puoi solo fare dei danni ai giocatori stessi, alla tua Società ed infine ai tifosi tutti. L'intelligenza calcistica che è materia che ogni allenatore dovrebbero aver innata proprio come l' hanno certi grandi giocatori, fa di solito difetto a chi pone il modulo sopra all'interesse di tutti. Sarala dabo axi?

Mercoledì vedremo se la lezione di Perugia è servita a qualche cosa. Dalle parole del Mister non ci scommetterei nemmeno un nichelino, ma sapendo che c'è qualcuno che quando si incazza rompe il tavolo battendoci su i pugni, spero che le cose possano cambiare e quindi il nichelino ce lo metto su!

Detto tutto questo, c'è una cosa che ha fatto strana la meritatissima sconfitta di Perugia.
E si, Calaiò ha chiesto scusa ai tifosi!

Il Mister per difendere la sua panchina, racconta ai posteri la partita che non c'è stata; e nello stesso tempo, il bomber, consapevole della figuraccia, chiede scusa ai tifosi per la pessima prova della squadra tutta!
E si, Calaiò al ga al bali!!

Aggiungiamo altro? No basta così, a volte per non creare confusione, è meglio lasciare le righe sgombre dalla verità, tanto l'idea di com'è questa verità, l'abbiamo tutti in testa!

Tutti, tranne uno!

Ps: già lo scorso campionato chiedemmo che qualcuno ponesse mister D' Aversa davanti alle proprie dichiarazioni ricordandogli che a Parma i tifosi son prima di tutto scemi sero. Parma, Il Tardini e il Regio, son ambienti in cui i bagolo' han vita breve. Poco ma sicuro!


Torna ai contenuti | Torna al menu